fbpx it en

Una visita interattiva all’Atelier di Costumi a Venezia

Una giornata nella mia sartoria artigianale a Venezia

Gratia Plena: tutte le donne sono Regine dell’Anima

NEL MIO ATELIER DI COSTUMI A VENEZIA: MASCHERARSI PER SCOPRIRE SE’ STESSI

Lusso e Lifestyle in Event Planning

Carnevale di Venezia, la Guida a Il Ballo del Doge

Il Ballo del Doge 2020 – Rapsodia del Carnevale di Venezia

Venice Fashion Spring | Kimono à porter a Palazzo Grimani

Pets Art: i ritratti dei nostri amici animali

I MIEI VELLUTI: L’HOME DECOR MADE IN ITALY

Carnevale di Venezia, la Guida a Il Ballo del Doge

Il Ballo del Doge Domande Frequenti

Il Ballo del Doge 2020 – Rapsodia del Carnevale di Venezia

Instagram Contest: Partecipa e Vinci Il Ballo del Doge 2019

Lusso e Lifestyle in Event Planning

PER ORGANIZZARE UN MATRIMONIO A VENEZIA: UNA FAVOLA NEL CUORE

UNA WEDDING PLANNER DI LUSSO A VENEZIA E NEL MONDO.

Pugnale Eyewear e Il Ballo del Doge

Kimono fashion a Venezia: il kimono che trasforma l’outfit

COSA CUSTODISCONO LE BORSE DELLE DONNE: UN SOGNO A PORTATA DI MANO

FLAT SHOES PASSION: GLAMOUR E COMODITÀ DI UNA SCARPA.

Una giornata nella mia sartoria artigianale a Venezia

Antonia Sautter

13 Aprile 2018

min. read

Il legame tra la sartoria artigianale e Venezia ha radici molto lontane che hanno ispirato e influenzato la storia della moda fin dal ‘300.

Venezia, celebrata già nel 1590, nell’opera di Cesare Vecellio “Habiti antichi et moderni”, come «miracolo del mondo», «specchio di bellezza», «modello di buoni costumi», ha sempre messo in correlazione i suoi valori, ideali e schemi, culturali e sociali, con la storia della moda e del costume.
Spesso gli abiti sono stati un riflesso delle dinamiche della società del tempo, degli scambi commerciali che la Serenissima Repubblica intratteneva, foraggeri di una ventata anticonformista e libertaria di cui le donne e gli uomini veneziani sono stati protagonisti, senza soffrire delle limitazioni delle rigide leggi sull’abbigliamento vigenti altrove.

L’arte sartoriale è stata quindi uno strumento per comunicare la libertà di espressione,

estesa a tutti i ceti sociali.

Penso che Venezia sia sempre stata all’avanguardia, un apri pista per le nuove tendenze, uno stimolo per la creatività, espressa attraverso l’arte del costume, quello di Carnevale, fino all’arte della moda contemporanea.
Ho sempre sentito il richiamo della storia, fin da bambina, e, come una vocazione, ho coltivato l’amore per le arti creative. Quasi naturalmente, ho trovato la mia strada, impegnandomi a tenere viva la sartorialità, partendo dalla tradizione per rivisitarla con uno sguardo contemporaneo, forte di quell’attitudine anticonformista innata nel carattere di noi veneziani.

Sartoria artigianale Venezia Antonia Sautter

Ho coronato il mio sogno di avviare la mia sartoria a Venezia nel 1994, anno di nascita anche de Il Ballo del Doge, perché penso che “essere” senza “essere creativi” sia impossibile; e poter essere creativi mantenendo vitale una tradizione artigianale che la storia ha riconosciuto come “arte” è stato fin da principio una missione e un dono.

La mia sartoria a Venezia, che ha l’atmosfera di una casa più che di un laboratorio, prende vita ogni mattina con l’arrivo delle mie sarte. Il mio primo appuntamento della giornata è sempre con loro, attorno al grande tavolo, tra bozzetti di abiti e costumi, tessuti e stoffe, filo da ricamo, pizzi, perle, spilli e forbici. Nel sottofondo il rumore familiare delle macchine da cucire e le spolette di filo che si srotola con ritmo incessante, mentre ogni veste prende forma: i costumi teatrali, gli abiti da sposa, le collezioni di moda in velluto e seta stampati a mano, gli abiti da sera.

Anche nei momenti di maggior impegno, quando le ore della giornata e della notte non sembrano bastare per completare una creazione fatta a mano in ogni singolo dettaglio, la sartoria è per me il luogo in cui mi sento più vicina alla mia indole – il luogo in cui le mani lavorano per dare forma palpabile a un’idea.

Tailor's shop Venice Antonia Sautter

Quando mi chiedono di raccontare qual è il processo produttivo che seguo per la realizzazione dei costumi e degli abiti, timidamente dico che per me il lavoro sartoriale è un costante “work in progress”, perché nulla di ciò che si vede “finito” è mai esattamente identico a quanto avevo pensato all’origine. Qualcuno potrebbe interpretare questa “discrasia” come approssimazione, ma nulla di tutto ciò è casuale: è, invece, il lusso che mi prendo per poter lasciare libera la mia fantasia di fare, disfare, aggiungere, togliere man mano che un capo prende forma, permettendomi di vedere ogni sua possibile evoluzione, finché il “quadro” si materializza ai miei occhi, pronto a raccontare la sua storia.

In un’epoca in cui la “produttività” sembra non poter prescindere dal fattore “tempo”, io probabilmente potrei definirmi ironicamente un’anticonformista dell’economia, ma ho un tale rispetto per il valore del “fatto a mano” che penso sia doveroso conferire a ogni creazione un tratto indelebile e irripetibile, una firma sempre unica.

Dove trovare le mie creazioni sartoriali

Nella mia boutique VENETIA di Piazza San Marco, nel cuore di Venezia!
San Marco, Frezzeria 1286
tel: (+39) 041 5224426
Venezia Italia

Per ordinare il tuo capo sartoriale

Scrivi una mail o telefona allo 041 2413802

Ricordati che le mie creazioni sartoriali vengono spedite in tutto il mondo!

Sig. Sig.ra